Truffa del falso incidente: come funziona, le nuove tecniche che stanno fregando migliaia di italiani

Una nuova truffa è arrivata anche in Italia, una tecnica infallibile per ingannare il malcapitato con un finto incidente d’auto.

Rimanere vittime di una truffa monetaria è sempre una brutta esperienza, anche se si tratta di pochi soldi. L’umiliazione di non aver capito prima che qualcuno stesse cercando di ingannarci è tanta, così come la frustrazione di dover poi riparare a tutti i danni. In realtà cadere nella rete di malintenzionati e criminali è più semplice di quanto sembri ed ecco perché sapersi difendere è fondamentale.

La truffa del finto incidente
La truffa del finto incidente – ilgranata.it

Anche da questa nuova truffa arrivata anche in Italia e che è molto semplice, tanto da non essere individuata dalle povere vittime. Si crede di essere stati coinvolti in un incidente d’auto, quando si è ormai già dentro la tela del ragno. Allora come fare per riconoscerla e difendersi? Ecco tutto quello che dovreste sapere.

Difendersi dalla truffa dell’incidente d’auto: ecco come

Una truffa a tutti gli effetti, presentata anche a Chi l’ha visto per allertare tutti gli italiani della possibilità di cadere nel tranello. Al telefono chiama una persona che si spaccia per altri, assumendo identità diverse a seconda dell’occasione e della truffa che vuole ordire questa volta. A segnalarlo è stata una signora che non si è fatta ingannare e ha subito capito a cosa si stava trovando di fronte, allertando immediatamente le autorità.

Il signore in questione si è spacciato prima per avvocato, poi per un fantomatico Maresciallo dei Carabinieri che avverte le vittime innocenti e inconsapevoli di un presunto incidente a carico di figli o parenti stretti di chi è dall’altro lato della cornetta. Dopo chissà quanti casi in cui le persone sono state prese dal panico e hanno creduto alle parole del criminale, consegnando soldi per ripagare le multe di questo finto incidente.

Non farti ingannare da questa truffa
Non farti ingannare da questa truffa – ilgranata.it

Grazie alla prontezza di spirito della signora, che ha capito subito a che cosa stava assistendo, il caso è stato presentato a Chi l’ha visto e oggi possiamo difenderci più facilmente da attacchi subdoli e meschini come questo. Le Forze dell’ordine sono a lavoro per cercare il colpevole e tutti i complici che possono aver partecipato a questa nuova truffa in atto. La prudenza non è mai troppa, soprattutto al telefono, dove l’identità di chi ci sta chiamando è celata: attenzione!

Impostazioni privacy