Tra poco si va al mare, pronta all’abbronzatura: tutte le cose che non sai sulla protezione solare

Protezione solare? Sì, ma quale? E in che quantità? Cosa dobbiamo sapere in merito a questa particolare crema che ci può salvare la vita!

La bella stagione è alle porte e tutti noi, uomini e donne, guardiamo al sole come il nostro unico amico del momento! Vogliamo goderci il potere benefico della Vitamina D, ma anche rendere la nostra pelle bella colorata e abbronzata, pronta per la stagione estiva insomma.

Cosa sapere sulla protezione solare
Cosa sapere sulla protezione solare – ilgranata.it

Negli anni però abbiamo capito perfettamente come l’abbronzatura sia bella, ma solo se raggiunta in modo sano, ossia tramite la protezione solare. Ci sono tantissime problematiche che si nascondono dietro ai raggi UV e che, a lungo termine, possono anche portare a complicazioni importanti come i tumori della pelle.

3 curiosità che non conoscevi sulla protezione solare

Meglio sempre esporsi al sole con la protezione solare insomma. Ma non una qualunque. Deve essere una crema valida, certificata e che rispetti alcune specifiche particolari. Oggi abbiamo quindi deciso di accompagnarvi a scoprire almeno 3 cose che non sapevate sulla protezione solare.

Quale crema solare scegliere
Pronti per l’abbronzatura, ma con la protezione solare – ilgranata.it
  • Vitamina C e Crema Solare: sono la combo perfetta per chi vuole una tintarella da sogno. Garantiscono una buona idratazione della pelle e allo stesso tempo proteggono dai raggi UV dannosi per la nostra salute.
  • Quanta crema mettere: questo è sempre un po’ un problema. Un dubbio diciamo che attanaglia tutti noi. La quantità giusta di crema solare per proteggerci è una sorta di mistero. Le opinioni sono svariate, una cosa è certa: il tubetto di protezione che non finiamo mai, in realtà dovremmo finirlo eccome. Anche in un paio di mesi. Questo significa che dobbiamo sicuramente ricordarci di rimettere la crema dopo il bagno. Ma anche che dobbiamo un po’ “esagerare” per proteggerci il più possibile.
  • Occhio al bollino: quando comprate una crema solare, oltre al fatto che la vogliamo profumata e resistente dovremmo controllare che sia presente il bollino UVA. Questo significa che è veramente una crema che ci protegge dai raggi dannosi del sole. Ma non basta, meglio anche assicurarsi che la crema sia “amica degli Oceani“. Ci sono sempre più case di produzione che creano protezioni solari che non si disciolgono nell’acqua e che quindi proteggono gli ecosistemi marini.

Ora che abbiamo scoperto tutte queste nuove cose sulla crema solare non andremo più a caso a comprare la nostra protezione. Faremo degli acquisti più consapevoli e migliori non solo per la nostra salute, ma anche per l’ambiente! Prendere il sole così è ancora più bello non credete?

Impostazioni privacy