Verso R.Agerola-Maracanà, Rivista: "Partita tosta!"

Verso R.Agerola-Maracanà, Rivista: "Partita tosta!"
0
0
0
s2sdefault

Parla lo storico portiere del sodalizio acerrano: "Non sono un violento, sei mesi di squalifica senza aver fatto nulla!"

ACERRA - Trasferta impegnativa per il Maracanà, che sabato alle ore 18 affronterà in trasferta il Real Agerola, una delle formazioni sorpresa di questo torneo. Dopo la cocente sconfitta di sabato scorso, che ha visto gli azzurri soccombere nel finale contro il Futsal Fuorigrotta di super Borriello e il terremoto di futsal mercato che ha visto le cessioni di Fiorentino e Bigliardo accasatosi ai Leoni, inizia il tour de force per la squadra allenata da Rescigno, che prima della sosta affronterà il solido Real Agerola e successivamente l’Atletico Chiaiano nella gara casalinga.

A parlare del difficile momento, il portiere Luigi Rivista: “Sabato sarà una partita molto tosta. – afferma lo storico portiere, presente nell’organigramma del Maracanà già da quando la squadra era ubicata al Parco 900, della quale ne portava omonima denominazione – Non conosco bene il Real Agerola ma almeno da qualche video sembra essere una squadra compatta e molto quadrata. Si difende bene e riparte benissimo! È stata l’unica finora a fermare la capolista Macerone e in casa credo siano molto forti! Noi purtroppo non veniamo da un periodo felice, se sabato sul momentaneo pareggio (3-3 ndr) avessimo finalizzato le tre ripartenze sciupate, sicuramente staremo parlando di un’altra cosa!”. 
Terremoto di mercato con gli addii imprevisti di Fiorentino e Bigliardo ritornati ai Leoni. “Non commento le operazioni di mercato, per quello c’è il DS. In qualità di tesserato storico posso solo dire, che a differenza di quello che dicono gli altri o di quello che possono pensare, questa squadra ha un gruppo forte ed affiatatissimo. Questo è il momento per ricompattarci e dare ancor di più per raggiungere quelli che sono i nostri obiettivi" .
Una squalifica ingiusta fino alla metà di marzo del prossimo anno rimediata contro il Real Amicizia nella gara casalinga di ottobre lo costringerà ad essere lontano dal campo da calcio ma da fuori è tifoso e sostenitore: “Sono stato vittima di un’ingiustizia! Ho avuto una squalifica di cinque mesi parlando da lontano con l’arbitro! Ci tengo a precisare, anche a molte settimane dall’accaduto, che io non sono una persona violenta e chi mi conosce sa che persona sono! Il mio interesse è quello di tutelare la mia persona da giudizi affrettati ed approssimativi!”

 

® IL GRANATA 2015 - Riproduzione riservata

 
 

Per offrirti una migliore esperienza questo sito fa utilizzo di cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per saperne di più o modificare le tue preferenze consulta la sezione Cookie Policy